Autostima: cosa la influenza e 5 suggerimenti per aumentarla

L’autosima, è un’argomento che mi sta molto a cuore.

Per molto tempo ho avuto un’autostima bassa e ogni tanto, mi capita ancora di passare dei momenti nei quali non mi sento abbastanza.

Penso però, che sia anche una cosa normale, che ci può anche essere di aiuto per crescere e migliorare.

La differenza che c’è infatti, fra adesso e qualche anno fà, è che adesso sò come reagire a questi momenti e riesco in modo semplice, a ritrovare le mie certezze, per ripartire con nuove energie e nuovi insegnamenti.

Data quindi l’importanza che ha la nostra autostima, nell’aiutarci ad agire in modo efficace ed intraprendente, andiamo a vedere in questo articolo, cosa è l’autostima, cosa la influenza e 5 suggerimenti per aumentarla.

Definizione di autostima

Una prima definizione di autostima, fu fatta da William James che la definì “ il risultato che scaturisce fra i risultati di un’individuo e le sue aspettative“.

Semplificandolo un attimo, possiamo dire che l’autostima, è il voto che diamo ogni giorno, alle nostre azioni in maniera inconscia. Ne deriva quindi che se il voto è alto, avremo un’alta autostima, se invece il voto è basso, avremo una bassa autostima.

Potremmo quindi anche vedere, i momenti di bassa autostima, come un qualcosa che ci segnala che stiamo andando fuori strada, e che dobbiamo quindi cambiare qualcosa.

Anche se, come vedremo più avanti, siamo noi a darci il voto, e se siamo troppo perfezionisti non sempre saremmo fuori strada, o meglio, magari sarà proprio il nostro atteggiamento da perfezionista che dovrà essere rivisto.

Ma cosa dicono i professionisti del settore?

Che la nostra autostima non è scritta nei geni! Ed è bellissimo perchè possiamo cambiarla. E cosa la influenza quindi?

Rappresenta una persona che si dà l'autovalutazione e un voto

Cosa la influenza

  • Definirsi e valutarsi in base alle valutazioni che ci arrivano dagli altri.
  • Confrontarsi con le persone che ci circondano.
  • Avere delle aspettative troppo elevate. In questo caso, confrontiamo i risultati che otteniamo, con le nostre aspettative che sono a livelli enormi. Maggiore sarà la differenza fra aspettative e risultato, e minore sarà la stima che avremo di noi stessi.(Il perfezionismo di cui ti parlavo prima)

Io ad esempio, ero un fenomeno nel primo e nel terzo punto!

Mi definivo molto in base alle valutazioni che mi arrivavano dagli altri, ed ho sempre avuto delle aspettative talmente alte verso me stesso, che spesso finivo per deluderle.

Ebbene si, ero un perfezionista di prima categoria! E credo che esserlo sia un’arma a doppio taglio in realtà, perchè se da una parte può minare la nostra autostima, dall’altra ci dà la spinta per crescere o per alzare sempre l’asticella dei nostri obiettivi.

L’ideale sarebbe quindi trovare un’equilibrio.

Ora, non sò quale dei tre elementi è il più presente in te, ma dato che abbiamo visto cosa influenza l’autostima, diamo un rapido sguardo, alle conseguenze di una bassa autostima.

Conseguenze bassa autostima

Rappresenta la tristezza di una persona con bassa autostima

In ognuno di noi si può manifestare in un modo piuttosto che in un’altro ma questi sono i sintomi più comuni.

  • Si vedono soprattutto i lati negativi e non quelli positivi di se stessi.
  • Si tende a dipendere dalle decisioni altrui, per avere il consenso degli altri.
  • Si cerca di non prendersi rischi, per paura di sbagliare.
  • Si ha un’atteggiamento passivo nei confronti della vita, senza progetti personali.

Ora che hai le idee più chiare, andiamo a vedere, 5 suggerimenti che mi hanno aiutato ad aumentare la mia autostima.

5 suggerimenti per aumentare l’autostima

1.Non sbagli sempre te

A me capitava spesso di prendermi la responsabilità della maggior parte delle cose che capitavano.

Ora, visto nell’ottica di volersi migliorare questo non è del tutto sbagliato, perchè la prima cosa da fare per migliorare è prendersi le proprie responsabilità. Tuttavia dobbiamo anche imparare a distinguere gli avvenimenti che sono sotto la nostra responsabilità, da quelli che non dipendono da noi.

Un pò di autocritica va bene, ma l’eccesso di critica è controproducente.

2.Dialogo interiore

Il dialogo interiore è una cosa che influenza l’autostima, ecco perchè dobbiamo starci attenti.

Io ad esempio, ero molto critico verso me stesso e spesso mi capitava di insultarmi in modo pesante, quando sbagliavo qualcosa.

Quello che ho fatto io e che può essere utile anche per te sono 3 cose:

  1. Diventare consapevole che il messaggio arriva direttamente al nostro inconscio.
  2. Iniziare a notare quando utilizziamo una conversazione pesante verso noi stessi.
  3. Dopo averlo notato, modificare il messaggio pesante con una comunicazione più amichevole, che lascia spazio ad imparare ed al migliorare.

Dirci cose tipo “la prossima volta andrà meglio”, “devi solo migliorare a fare…” , ci può essere di aiuto nello spostare il focus, dall’errore a ciò che possiamo fare per migliorare, aumentando così anche la fiducia in noi stessi.

3.Poniti piccoli obiettivi e raggiungili quotidianamente

Il fatto di darci delle cose da fare, che una volta fatte, ci fanno sentire soddisfatti, è un’ottima cosa per la nostra autostima.

Puoi quindi partire, dandoti dei piccoli obiettivi da raggiungere quotidianamente, ed agire ogni giorno, per raggiungere quei piccoli obiettivi con serenità.

Puoi ad esempio decidere di leggere 10 pagine di quel libro che hai lasciato sul comodino, puoi decidere di fare due chilometri di camminata, insomma, trova qualcosa di semplice che puoi raggiungere quotidianamente e fallo.

Parti dal semplice e via via rendi le cose più sfidanti, vedrai che raggiungendo piccoli traguardi la tua autostima aumenterà sempre di più.

Poi mi raccomando! Congratulati con te stesso quando raggiungi l’obiettivo! 🙂

4.Tieni un diario personale

Il diario personale penso sia l’imperativo, una cosa dalla quale non si può prescindere per aumentare la propria autostima.

Scrivere, ti aiuterà a rielabolare te stesso, e le tue azioni, così da metterli nella giusta prospettiva. Puoi scrivere ad esempio i tuoi successi, i tuoi pensieri, gli ostacoli superati, o lezioni imparate.

Tutte cose che se rilette una volta a settimana, ogni due settimane o una volta al mese, ti faranno riflettere su quanta strada hai fatto, ti faranno vedere quanto sei migliorato, ti faranno ricordare quante volte hai imboccato la strada giusta, così da darti maggior serenità, maggior energia, ed una maggior fiducia in te stesso.

Ecco perchè ti consiglio di tenere un diario. Se poi non hai un diario personale, e ne vuoi vedere uno, trovi quello che utilizzo anche io, su Amazon, cliccando qui.

5.Occhio alle aspettative

Come ti dicevo prima, se hai delle aspettatibe troppo elevate, ed il risultato che ottieni non è al loro livello, sarà inevitabile che la tua autostima ne risenta.

Non per questo però, credo che dobbiamo ridurre le nostre aspettative, solo per avere una migliore autostima. (Mi sembrerebbe anche un pò una presa in giro no?)

Ti dico quello che ho fatto io.

Non ho fatto molto in realtà, nel senso che ho messo in conto il fatto che ho le aspettative alte e mi sono dato la possibilità di sbagliare o di non raggiungere quel risultato, senza farne un dramma.

Ho imparato a chiedermi, “perchè ho ottenuto questo risultato?” “Come posso migliorarlo?”

In pratica, sono passato dal vedere il mancato risultato, da una cosa negativa, al vederlo come una cosa positiva, imparando da questo una lezione ogni volta! Che dire, provaci anche te e fammi sapere!

Riflessione e link utili per proseguire

I suggerimenti che hai trovato, sono ciò che ho appreso in questi anni e che mi ha aiutato, sono sicuro che se li metterai in pratica la tua autostima migliorerà.

Se poi ti piacerebbe essere seguito\a, o vuoi un’aiuto in più per aumentare la tua autostima, puoi trovare la presentazione di un videocorso sull’autostima, fatto a percorso di 30 giorni, con la prima lezione gratuita, cliccando qui.

Se invece preferisci un libro che ti possa aiutare ad aumentare l’autostima, con esercizi pratici, lo puoi trovare su Amazon cliccando qui. Fra l’altro, mentre stò scrivendo, è fra i libri gratuiti di Kindle Unlimited. Se non sei registrato e vuoi registrarti con un mese gratis, clicca qua.

Se invece, più che un percorso ti piacerebbe qualcosa sull’autostima che in modo semplice spiega e lascia che sia tu, (con i tuoi tempi) a sciogliere i tuoi nodi, puoi trovare il libro perfetto su Amazon cliccando qui.

Mentre, se la cosa che ti risulta meno semplice, è quella di gestire le critiche altrui e ti senti molto timido o timida, trovi l’articolo in cui ho parlato della timidezza e di come superarla, cliccando qua.

Concludendo

Bene, anche in questo articolo siamo arrivati al termine amico Walker.

Come hai visto sono tutte lezioni che nascono da una mia esperienza, non sono uno psicologo e non voglio sostituirmi a lui, tuttavia credo che possono esserti utili come lo sono state per me, non ti rimane che provare a metterle in pratica.

Fammi sapere sui social, se sei riuscito a mettere in pratica l’articolo su come aumentare l’autostima, o se hai trovato qualcosa di meno semplice da mettere in pratica.

A presto Walker!

Un’abbraccio.

Francesco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: