Credere

Ciao, io sono Francesco ed ho sempre visto nell’indipendenza di “riuscire a fare“, la libertà personale.

Ecco perchè il mio obiettivo con questo blog è quello di ispirare le persone che vogliono migliorare se stesse e la propria vita, a passare dalla motivazione all’azione, in maniera autonoma, efficace e sostenibile.

Grazie ad una serie di articoli, collegati fra loro, che puoi trovare all’interno dei 4 cardini, vengono condivise, suggerite e segnalate, quelle informazioni e quelle risorse che sono state fondamentali per me…

E che credo possano dare uno sprint alle tue competenze, alla tua crescita, alla tua psicologia, alle tue azioni e quindi ai tuoi progetti ed alle tue idee.

In questo articolo, accedi al percorso del terzo cardine “Credere“. Continua a leggere e scegli l’articolo dal quale partire per iniziare il viaggio 🙂 .

(Ps: Se non mi conosci e vuoi saperne di più su di me, puoi conoscere la mia storia qua.)

Perchè “Credere”?

L’importanza di crederci, è un aspetto toccato da moltissime persone e provato da diversi esperimenti. Uno su tutti l’esperimento dello psicologo Robert Rosenthal.

Lo psicologo, fece fare a agli allievi di una scuola elementare, un test di intelligenza. Poi senza guardare i risultati, segnalò alle maestre, alcuni allievi come più intelligenti, il tutto fu però fatto a caso, senza quindi delle basi reali.

Bene, l’anno successivo, tornando nella scuola, chiese alle maestre i risultati degli alunni scelti e loro confermarono che quei ragazzi da lui segnalati, erano quelli con i voti sopra la media, i più intelligenti e migliori quindi.

Ma gli alunni erano stati scelti a caso, cosa era successo?

Le maestre, certe dei risultati del test, avevano realmente creduto che fossero i più intelligenti, e quindi li avevano trattati in modo migliore, incentivandoli più degli altri, finchè, questi non hanno ottenuto risultati migliori degli altri.

Come vedi, la credenza ed il mindset, delle maestre ha avuto effetto sul loro atteggiamento e poi sulla realtà.

Ecco perchè “Credere” è uno dei cardini di The Bridge of Practice e per praticità, l’ho suddiviso in 4 punti, che puoi trovare qua sotto.

Scegli tu da quale iniziare.

1.Fisica quantistica

La fisica quantistica, va a fornirci ulteriori dimostrazioni, sull’importanza delle credenze.

Data la complessità dell’argomento, ho cercato di semplificare il tutto in un articolo, nel quale ho riassunto un esperimento, che mette in luce la potenza dell’osservatore e delle credenze. Se vuoi leggerlo clicca qui.

2.La nascita delle credenze

Dopo aver compreso l’importanza delle credenze, è il momento di capire come si sono formate e si formano queste credenze.

Se è infatti vero, che alcune ce le portiamo dietro dall’antichità, è anche vero che ce ne sono altre che si formano durante la vita e che possono diventare un ostacolo nel portare avanti le nostre azioni e nel raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti.

Ma cosa da forma, fa nascere e fa crescere in noi, le nostre convinzioni?

Sono 4 i fattori principali che creano, plasmano e fanno crescere le nostre credenze. Se vuoi saperne di più, ne ho parlato in un articolo che trovi cliccando cliccando qui.

3.Cambiare le nostre credenze

Dopo averne compreso l’importanza, gli effetti e ciò che le ha formate, diventa importante capire come orientare le nostre convinzioni a nostro vantaggio, per realizzare noi stessi, ed i nostri obiettivi.

Ecco perchè, ho scritto un articolo nel quale parlo di due tecniche, condivise dal Dottor Bruce Lipton, con le quali si può “riprogrammare l’inconscio” e le nostre convinzioni. Se ti interessa l’articolo clicca qui.

Ho poi scritto un altro articolo, su come ho trovato le mie convinzioni e come le ho riprogrammate, utilizzando uno dei due metodi che trovi nell’articolo precedente. Se vuoi saperne di più sulla mia esperienza clicca qua.

(Ps: Non sono un medico, ne uno psicologo e le informazioni che trovi non si sostituiscono ad un trattamento psicologico. Quella che troverai è la mia esperienza, motivo per cui la responsabilità delle azioni che metterai in pratica, sarà tua)

4.Le 4 convinzioni limitanti più diffuse

Dopo aver parlato del perchè sono importanti le convinzioni, del come nascono e di come possiamo cambiarle, è il momento di scendere più nel comune.

Ecco perchè ho parlato di quelle convinzioni più diffuse, che ci limitano o ci rallentano nel raggiungere i nostri obiettivi, nel fare le azioni che vogliamo fare, o nel realizzare noi stessi e la nostra libertà.

Se vuoi conoscerle e vuoi saperne di più, trovi l’articolo cliccando qua.

Concludendo

Concludendo amic* Walker, se non mi conosci e vuoi più informazioni, trovi la mia storia cliccando qui.

Se poi hai domande o altre curiosità scrivimele nei commenti o sui social!

A presto Walker!

Un abbraccio.

Francesco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: