Blockchain: cosa è e può realmente aiutarci?

Ne abbiamo sentite un’infinità sul Bitcoin, sulle criptovalute e su tutte le altre monete virtuali, ma per capire se possono esserci utili, perchè non indagare su cosa è la blockchain e sul fatto se può realmente aiutarci?

Io non sono chissà chi però diciamo che qualche libro l’ho letto, ed ho fatto anche qualche corso, oltre ad utilizzare cryptovalute ogni giorno, giusto per dirti perchè te ne parlo.

In questo articolo voglio condividere ciò che conosco, per aiutare anche te a comprendere meglio cosa sia questa fantomatica blockchain, per comprendere se potrà realmente esserci utile o meno.

Ci sei? Dai Partiamo!

Cosa è la blockchain?

Per iniziare vediamo quando nasce la blockchain..

La blockchain viene alla luce nel 2008, quando Satoshi Nakamoto, propone di unire diverse teconlogie per creare il Bitcoin.

Bitcoin, è una criptovaluta con un’emissione limitata, controllata solo dagli utenti, è quindi non sequestrabile, ed in più non ha confini politici ed economici.

Inoltre avendo un’emissione limitata, ha anche un’inflazione limitata se non assente.

Questa è una prima blockchain, definita appunto di prima generazione…

Blockchain Ethereum

Un altro tipo di blockchain è quella creata nel 2013 da Vitalik Buterin, una blockchain nuova perchè è la prima programmabile, il suo nome è Ethereum.

E’ una blockchain che fra i suoi vantaggi, dà la possibilità di scambiare qualsiasi asset digitale, come denaro, contenuti digitali, o titoli di proprietà, diventando così il cardine della Finanza Decentralizzata.

Il fatto che Etherium sia programmabile, porta un grande vantaggio, infatti questa blockchain funziona con degli smart contract.

Per immaginarli puoi pensare a delle righe di codice, programmato in modo tale che se si verificano certe condizioni (inserite nel codice), compie una specifica azione altrimenti, ne compie un’altra, il tutto senza l’intervento dell’uomo.

Questo fa si che si possano eseguire azioni nel mondo reale in piena autonomia finanziaria, senza che nessuno li possa bloccare e senza il controllo delle banche, il tutto in piena trasparenza. (Decentralizzazione).

Ecco che proprio questi credo siano alcuni degli enormi vantaggi apporta la blockchain.

Sia chiaro, ce ne sono molti altri, ma in questo articolo mi voglio soffermare sulla finanza decentralizzata, perchè è quello che mi ha portato a credere fortemente in questo mondo e perchè credo anche sia il più semplice da comprendere, come vedremo fra poco.

Che problemi può risolvere la blockchain e la finanza decentralizzata?

Parlando di Blockchain e finanza decentralizzata, come ho anticipato poco sopra, nasce la possibilità di togliere un intermediario finanziario, dal circolo di moneta.

E non nasce casualmente, ma nasce perchè ce né bisogno, è un ulteriore step evolutivo della società, destinato a ridimensionare la finanza tradizionale come la conosciamo.

E’ una visione abbastanza futuristica, ma se ci pensiamo ad oggi, ogni attività finanziaria passa tramite degli intermediari.

Bonifici, mutui, conti correnti, assicurazioni, ci sono intermediari che sono fulcri di potere, ed ottengono dei rendimenti da queste posizioni, in alcuni casi, abusano poi anche di questi poteri.

Qua sotto analizziamo alcuni esempi che la blockchain potrà evitare di ricreare.

Il caso Wiki Lix

Un primo problema, è quello della possibilità odierna di venire bloccati dai centri di potere, stati e banche in primis.

Basta pensare a cosa è successo a Wiki Lix che è una società di informazione pubblica statunitense, che condivide informazioni coperte dal segreto di stato, ed alla quale nel 2010 fu impedito di proseguire la sua attività proprio dagli Stati Uniti che crearono un embargo finanziario, bloccandogli tutti i fondi e le linee di credito.

Cosa ha fatto però wiki lix che si teneva in piedi grazie alle donazioni dei suoi lettori e sostenitori?

E’ passata lato crypto riuscendo a ricevere donazioni in bitcoin, senza bloccare la sua attività e investendo nel bitcoin quindi.

Capisci la forza?

Bitcoin non è controllabile dagli stati, perciò garantisce più libertà, come sicuramente potrà creare altri problemi, ma se ci pensiamo anche internet quando è arrivata a creato soluzioni e problemi, è il rovescio della medaglia.

Sta poi a noi, intesi come umanità, risolvere questi problemi e progredire.

Il caso Unbanked

Un altro problema è quello che al giorno d’oggi non abbiamo pari opportunità finanziarie.

E’ il caso degli Unbanked, che sono quelle persone che hanno accesso limitato o nullo, ai servizi finanziari di base, tipo un conto corrente, la possibilità di fare un pagamento, di investire ecc.

Perchè ci sono?

Perchè gli intermediari finanziari, detengono il potere, ed in determinati posti, non avendo un ritorno economico, decidono di non fornire un servizio.

Questo però, fa si che gli Unbanked non possano accumulare ricchezza e non possano neanche inviare denaro e costruirsi una reputazione finanziaria, creando quindi un blocco nello sviluppo finanziario globale.

E’ giusto secondo te? Secondo me no.

Non è che poi questi non hanno soldi, ma hanno un’economia basata sul contante che si svaluta anno dopo anno…

Hanno quindi un‘attività economica limitata solo a quello ed al contesto in cui vivono che di conseguenza li porta a non inserirsi nel mondo attuale abbandonandoli al loro destino.

Il fatto è che adesso hanno tutti l’accesso ad uno smartphone e con esso possono fare cose ancora sconosciute ai più, proprio grazie ad alcuni progetti del mondo Blockchain.

Il caso Banca Etruria

C

Un altro problema è quello del rischio di parte.

Infatti spesso la maggior parte delle persone pensa di fare un’investimento in banca e che non ci sia rischio, anche se in realtà il rischio c’è ed è quello di controparte, ossia che l’istituto non sia poi in grado di restituire i soldi.

Basta pensare a Banca Etruria, molti investitori sottoscrissero delle obbligazioni subordinate, ovvero che danno un rendimento più alto, ma sono le più rischiose perchè sono quelle ultime che vengono pagate.

Quindi se l’istituto fallisce, paga prima le altre e se rimane qualcosa paga anche queste.

Quello che è successo è proprio questo, l’istituto è fallito per via di investimenti sbagliati in questo caso, e gli investitori sono stati salvati dalle tasse pagate dai cittadini, e dai risparmi degli azionisti. (Qualcosa di simile al Monte dei Paschi)

Ecco, grazie alla Blockchain nella DEFI (Finanza decentralizzata) non c’è rischio di controparte, perchè la controparte è lo smart-contract che si muove secondo le regole scritte nel codice e non secondo ideologie umane condizionate o corrotte..

L’unico rischio, può essere del sistema informatico in generale, ma è un evento più unico che raro e molto difficile da prevedere, un po come un terremoto o un attentato.

Il caso dei mutui Sub Prime

Altro problema è quello legato alla poca trasparenza delle banche.

Come successo con la crisi subprime negli anni 2000, negli Stati Uniti che sono state camuffate delle operazioni con clausule minuscole.

In questo caso infatti successe che abbassarono i tassi all’1%, e crearono dei mutui chiamati appunto subprime, ovvero mutui dati a persone che non avevano garanzie per ripagarli.

I mutui avevano però dei tassi variabili, ed ovviamente le persone non lo sapevano…

Le banche però cosa fecero?

Presero questi mutui e li rivendettero a società terze, che li cartolarizzavano ( li trasformavano in titoli negoziabili sul mercato) ed emettevano delle obbligazioni garantite dalle rate di quei mutui

Quando poi furono alzati gli interessi, collassò tutto il sistema, migliaia di persone persero la casa ed i loro risparmi, con conseguenze drammatiche.

Nella Blockchain invece, tutto è tracciato e non sarà possibile fare questi “pasticci” .

Ora, abbiamo visto che il sistema tradizionale ha delle crepe e dei buchi, mentre con la blockchain e la finanza decentralizzata, viene tolto di fatto, il potere a questi enti, creando un mondo finanziario che risponde a dei codici preimpostati ed uguali per tutti.

Questa credo sia la grande potenza.

Bene ti ho presentato in sintesi le potenzialità, lato finanza decentralizzata della blockchain, dato che credo sia una delle principali rivoluzioni che apporterà.

E’ ovvio che poi ci sono anche diversi rischi legati al settore, ed agli sviluppi futuri, l’opinione di molti è però quella che un cambiamento sia già in atto, anche perchè sono diversi i progetti nati per risolvere questi problemi.

Nei prossimi anni, ne vedremo delle belle, perchè siamo ancora all’inizio, un pò come internet negli anni 90.

Non stò poi a consigliarti se investire o meno, quello devi vederlo tu.

Se però ti stai chiedendo come fare ad investirci, beh sappi che ci sono degli exchange (siti di cambio), ed uno dei più famosi che fra l’altro utilizzo anche io è Coinbase

Sito completamente in italiano, semplice da utilizzare e dal quale puoi acquistare e vendere criptovalute.

Nel caso tu voglia conoscerlo o registrarti, sappi che dal link che trovi qui, se ti registrerai, riceveremo entrambi 8 euro circa di bitcoin gratuiti, stando alle condizioni che leggerai nella pagina, che via via, possono anche cambiare.

Se invece vuoi più informazioni sulla blockchain, un libro che te la spiega molto bene, lo puoi trovare qui.

Concludendo

Bene detto questo, siamo arrivati alla fine dell’articolo, spero di averti dato qualche informazione in più e di averti chiarito le idee.

Se poi hai delle domande su cosa è la blockchain o sul perchè può esserci utile, scrivimelo pure nei commenti o sui social.

A presto!

Un abbraccio.

Fra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: