L’importanza di ricreare il cervello con le giuste pause

Fare delle pause? Pfffff.

Questo era quello che ti avrei risposto, fino qualche tempo fa.

Credevo infatti che lavorando senza sosta, avrei perso meno tempo, meno mi sarei distratto e più avrei prodotto. :/

Lo so, non era un ragionamento molto intelligente, tuttavia così avevo imparato e così facevo.

A posteriori, ho ovviamente rivisto la mia idea.

Motivo per cui, in questo articolo, andiamo a vedere perchè è importante fare delle pause dal lavoro, dallo studio o da qualsiasi altra attività e alcuni tipi di pause da fare.

Perchè fare delle pause?

Le pause sono importanti tanto quanto l’attività stessa“.

Mai avrei pensato una volta, di credere a questa frase, ma è la verità.

Fare le giuste pause, stimola la produttività e la creatività, così da rendere il nostro lavoro, di una qualità migliore.

Senza considerare poi che più l’attività necessita di uno sforzo cognitivo e più il nostro cervello avrà bisogno di pause, per potersi ricaricare di energie.

Diventa quindi importante, concedersi delle pause stando però attenti, a non cadere nella pigrizia e nella procrastinazione.

Andiamo quindi a vedere, alcuni tipi di pause, per poter essere più produttivi.

Tipi di pause

La vera pausa, è quella pausa che ci fà staccare da ogni tipo di sforzo.

Esempi di pause, possono essere cambiare attività, prendersi dei giorni di vacanza, o dormire.

Insomma, attività nelle quali il nostro cervello si libera dai pensieri delle attività che stiamo portando avanti.

Altre idee possono essere, andare a fare una passeggiata, guardare 5 minuti fuori dalla finestra, accarezzare il proprio cane o gatto, smangiucchiare qualcosa, insomma trovate la vostra attività che si concili al massimo con voi stessi e la vostra “produttività“.

Tempi e modalità della pausa

La cosa importante nel fare la pausa, è quella di allontanarsi dalla postazione di lavoro o studio, per quei 5\10\15 minuti, nei quali effettueremo la pausa.

Questo è importante perché cambiando ambiente, cambieremo anche il nostro stato d’animo, ricaricandoci in modo più rapido.

Per la tempistica invece, io non penso che ci sia un tempo limite entro il quale concedersi la pausa, credo piuttosto che sia sempre più utile ascoltare il nostro corpo.

Io ad esempio, faccio una pausa ogni ora circa di lavoro, anche se spesso non riesco a staccare se sto per terminare un compito specifico.

Quindi vedi te 🙂 . Se poi vuoi altri spunti su delle attività utili a liberare la mente, ne ho parlato in un articolo che trovi cliccando qui.

Se invece vuoi essere più produttivo ed efficace in ciò che fai, ne ho parlato in un altro articolo che trovi cliccando qua.

Concludendo

Concludendo amic* Walker, fammi sapere poi cosa ne pensi tu delle pause, se le hai sempre fatte o se come me, non credevi nell’importanza di ricreare il cervello con le giuste pause.

A presto.

Un abbraccio.

Francesco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: